preloader image

Modello 231

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico

Con la disciplina dettata dal Decreto Legislativo 8 giugno 2001 n. 231 e successive modifiche e integrazioni (di seguito anche “D.Lgs.” o “Decreto”), l’ordinamento giuridico italiano ha previsto che una società̀ possa essere considerata responsabile penalmente per la commissione, da parte di propri esponenti, di taluni reati espressamente previsti dal Decreto: condizione imprescindibile per il sorgere della responsabilità è la commissione del reato nell’interesse o a vantaggio della Società.

Tale responsabilità si concretizza in

  • sanzioni amministrative di natura pecuniaria;
  • sanzioni interdittive, riguardanti l’esercizio dell’attività sociale.

Se, tuttavia, una volta commesso un reato contemplato dal D.Lgs. 231/2001, la società dimostra di aver attuato in maniera efficace il Modello Organizzativo 231, nonché di aver adottato misure idonee a prevenire la commissione di ulteriori reati, “scatta” l’obbligo da responsabilità per la società. L’efficace attuazione del Modello è garantita da un Organismo di Vigilanza dotato di autonomi poteri d’iniziativa e di controllo, nominato in RESPEDIL SRL con delibera ad hoc dell’Amministratore.

La costituzione di un adeguato ed efficiente Modello Organizzativo 231, oltre ad esimere la società dalla responsabilità da reato, migliora la gestione del sistema di controllo interno e favorisce il consolidarsi di una cultura aziendale fondata sui valori di trasparenza, eticità, correttezza e rispetto delle regole, a beneficio dell’immagine aziendale e della fiducia riposta da parte di tutti i propri interlocutori.

RESPEDIL SRL ha adottato il proprio Modello di Organizzazione e Gestione ai sensi del D.Lgs. 231/2001 attraverso delibera del CdA in data 07 marzo 2023.
La nostra organizzazione mira a promuovere la cultura della legalità e della trasparenza e richiede ai propri collaboratori il rispetto del proprio Modello e del Codice Etico.
Il Modello consta di una parte generale e di una parte speciale.

La parte generale include:
L’introduzione del Modello di Organizzazione 231, le tipologie di reato analizzate, le finalità del modello e del Codice Etico ed i destinatari dello stesso, il sistema di governance adottato, il sistema organizzativo e quello di deleghe e procure, la gestione delle risorse finanziarie, i protocolli, il piano di comunicazione e formazione per il personale dipendente, il sistema disciplinare adottato dalla società finalizzato ad indurre i soggetti al rispetto di quanto previsto dal Modello.

Le parti speciali raggruppano i reati per categorie omogenee:
Tali parti speciali includono, quindi, con riferimento alle varie fattispecie di reato analizzate, le attività sensibili. Per ciascuna di queste, sono individuati i presidi di controllo per la prevenzione dei reati.

Strettamente correlato al Modello è il Codice Etico, in quanto integra un ulteriore standard di controllo (quale insieme di principi e valori cui devono uniformarsi i comportamenti in tutte le attività sensibili), anch’esso adottato con determina dell’Amministratore. In tale documento sono individuati principi e valori di ampia portata, posti a fondamento dell’attività d’impresa e della condotta di tutti coloro che operano all’interno o all’esterno di essa.
Il Codice Etico costituisce, quindi, un codice di comportamento la cui osservanza da parte di tutti gli esponenti aziendali è di importanza fondamentale per il buon funzionamento, l’affidabilità e la reputazione della Società.
Il Modello, infine, disciplina anche gli obblighi informativi verso l’Organismo di Vigilanza, evidenziando nello specifico l’obbligo per tutti i dipendenti di comunicare a quest’ultimo qualunque fatto o circostanza riscontrata nell’espletamento dell’attività e meritevole di segnalazione ai sensi del Decreto 231.
Tutte le segnalazioni di comportamenti difformi, trasmesse all’Organismo di Vigilanza, sono garantite da riservatezza, fatti salvi gli obblighi di legge.
Per domande o approfondimenti si invita a scrivere all’Organismo di Vigilanza, ruolo ricoperto dalla dott.ssa Zana Ludovica, reperibile al seguente indirizzo mail: odv@dottoressazana.it.

Scarica il Codice Etico

Whistleblowing

Per lasciare una segnalazione si invita ad accedere al portale dedicato.

Segnala
respedil@respedil.it

Respedil Sede legale

Respedil uffici operativi

Branch Francia

Branch Svizzera